Netcoop Piemonte

Viaggio nei nuovi Consigli Regionali - Piemonte, intervista a Daniele Bertin

venerdì 28 ottobre 2022

Netcoop alla scoperta dei nuovi consigli regionali di Lavoro e Servizi. Per il Piemonte parliamo con Daniele Bertin, presidente della Nuova Crumiere.

Ci racconta la cooperativa?

"Siamo una realtà tessindustriale, realizziamo prodotti per utilizzo in ambito industriale: dai nastri in cotone per le formatrici dei biscotti ai feltri e i tessuti per dare l’impronta alla carta marcata speciale da disegno. L’azienda in sé funzionava e a metà anni ‘60 era stata acquistata da un grande gruppo francese. Col tempo la gestione però è andata peggiorando finché non è fallita. Visto che il lavoro e i potenziali clienti c’erano, molti di quelli che ci lavoravano si sono detti 'perché non creare una cooperativa'? Tutti hanno impegnato quanto potevano in questa avventura. Inizialmente si affittavano i locali dal Tribunale per andare avanti e per fortuna abbiamo trovato un curatore fallimentare che ha visto l’impegno e la passione che ci si metteva. E ha capito il senso dell’importanza del lavoro per 17 famiglie in una vallata geograficamente chiusa. Dall’affitto degli immobili si è passati all’acquisto, ai macchinari e ora siamo qui: 43 persone di cui 23 soci e il resto dipendenti. E andiamo avanti bene".

Vivete l’impennata di rincari energetici? Se sì, quali difficoltà vi sta portando?

"Sì, ovviamente. Ma scinderei due ambiti. Per l’energia elettrica, parliamo di telai piuttosto grandi con battenti da 4 a 12 metri, che sono movimentati con motori elettrici da 5/10kw l’uno. Sulla giornata giriamo intorno ai 70kw ora. Il prezzo dell’elettricità si è moltiplicato in media 2,7 volte, con la fortuna di avere un contratto 50% fisso e 50% variabile, il che ci ha protetto. Abbiamo peraltro un bel sentore, perché l’ultima bolletta si è abbassata di una decina di centesimi/kw. Relativamente al metano il problema è importante, perché è aumentato mediamente di 4 volte: da fatture in luglio mediamente sui 2mila euro mensili, abbiamo toccato i 10mila. La preoccupazione ora è per l’inverno: siamo in cima ad una vallata, e nei mesi più freddi il sole ci illumina forse 2 ore al giorno. Il che porta un consumo considerevole anche per riscaldamento. Il rischio è arrivare a una bolletta che tocca i 30mila euro".

State riscontrando anche voi la difficoltà di reperire personale qualificato?

"Di tessile nel nostro quadrante ce n’è poco e noi usiamo macchinari che in un ampio raggio non si conoscono. Personale formato in realtà quindi non ne cerchiamo, e formiamo le nuove leve direttamente in cooperativa con un’attività di affiancamento. Peraltro non c’è molto ricambio, poiché chi vive qui ci tiene molto a mantenere il lavoro".

L’elezione nel Consiglio Regionale di Lavoro e Servizi Piemonte: quali le priorità?

"La facilità di poter impiegare dei giovani. Noi purtroppo ci siamo resi conto per esperienza che c’è personale ai limiti di età che deve fare dei lavori un po’ più pesanti della media. Ovviamente all’interno si tende a non farglieli fare, ma sarebbe interessante lavorare per avere delle nuove leve a costi incentivanti".

I commenti sono visibili solo agli iscritti.

newsletter

Nome Cognome
Email
Cooperativa
Indirizzo