Porti cooperativi

sabato 25 maggio 2019

Un anno è trascorso da quando, ancora animati dallo spirito assembleare - che aveva condotto a modificare lo Statuto di Confcooperative Lavoro e Servizi, inserendo la possibilità di articolare le filiere in settori - la Federazione decise di volgere in opportunità l’esigenza espressa da diversi territori regionali, tra cui Sardegna, Sicilia, Puglia, Campania, Friuli Venezia Giulia e Liguria, di un progetto sulla portualità, che approdasse innanzitutto alla costituzione di un nuovo Comitato di Settore, in seno alla filiera della mobilità. Certo, solo un anno fa non si immaginava la ricchezza di riflessioni e di contributi che sarebbero via via giunti di incontro in incontro, nel percorso di seminari avviati.

Effettua l'accesso per continuare a leggere

Accedi

I commenti sono visibili solo agli iscritti.

newsletter

Nome Cognome
Email
Azienda/Ente
Indirizzo
Informativa Privacy
Cliccando sul pulsante INVIA, che si attiva solo dopo aver VISUALIZZATO l'informativa, dichiari di aver letto l'informativa e di accettarne i contenuti